Seguici su

Tecnologia

TORNIAMO AL “MEDIOEVO”?

Aerial view of crowd connected by lines

L’altro ieri il Presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, ha fatto un tweet, in cui dice: “I repubblicani sentono che le piattaforme dei social media mettono completamente a tacere le voci dei conservatori. Faremo dei regolamenti oppure li chiudiamo, perché non possiamo permettere che questo accada. Abbiamo visto cosa hanno cercato di fare, e non è riuscito loro, nel 2016. Non possiamo permettere che ciò accada di nuovo, in maniera più sofisticata. Proprio come non possiamo permettere che elezioni per posta mettano radici nel Paese”. Dalle sue parole si può sicuramente percepire una certa avversione verso i vari social network che ormai fanno parte della nostra vita. Il Presidente USA continua dicendo: “Twitter ha dimostrato ora che tutto quello che abbiamo detto su di loro (e gli altri loro compatrioti) è corretto. Seguiranno grandi provvedimenti!”. Dopo aver letto queste parole la prima cosa che ci salta in mente è il pensiero di come potrebbe essere il mondo senza social network e i suoi annessi. Partendo dal fatto che comunque tutti i social si sono evoluti in modo non trascurabile, anche perché prendendo per esempio Facebook come tutti noi sappiamo era nato in primis come un sito per rintracciare vecchi amici e / o mettersi in contatto con gente per organizzare eventi e cose di questo tipo. Adesso però Facebook oltre a questo è diventato un vero e proprio “hub” dove trovare di tutto e di più, dalle ricette di cucina, a le pagine per fare acquisti, a le più semplici pagine di aziende che vogliono pubblicizzarsi attraverso questa piattaforma oppure vendere e ampliare la propria rete di vendita. Ad ogni modo questa piattaforma (come tutte le altre) è diventata un vero e proprio business che porta a pagine che hanno grandi numeri in termini di interazioni e visualizzazioni, una grande fonte di incassi, provenienti per la maggior parte (se non completamente) da partnership e inserzioni. Per ritornare invece al discorso di come si starebbe senza social network questo nessuno lo sà, pero si può ipotizzare e la nostra ipotesi è che dopo un iniziale momento di confusione che potrebbe durare circa sei mesi la popolazione comincerebbe a farsene una ragione che i social non esistono più, e poi il passo successivo sarebbe il riscoprire emozioni che non sentiva da anni, anche se tutto questo verrebbe comunque circondato da una colossale crisi economica che metterebbe in ginocchio l’economia mondiale anche perché le aziende che vivono per e nei social network sono moltissime e senza questi quasi sicuramente dovrebbero chiudere. In tutti i casi però mettendo da parte le ipotesi, il fatto che i social network chiudano tutti è una cosa a dir poco impossibile che porterebbe talmente tanti disagi che ci sarebbe una guerra economica senza un lieto fine.

ECCO PERCHE’ IL 18 MAGGIO BAR E RISTORANTI FALLIRANNO

News

ASSURDO: A UDINE BICCHIERATA DI AUGURI CON LA PROTEZIONE CIVILE

News

SCANDALO COVID: I DATI DEL FRIULI VENEZIA GIULIA NON TORNANO A BORRELLI

News

UDINE: ASSEMBRAMENTO DI BALORDI IN AUTOSTAZIONE

News

Connect