Seguici su

Politica

PER MAURO DI BERT I PROBLEMI DELLA SOCIETA’ DI BINI SONO COSE NORMALI?

L’elenco delle stazioni appaltanti in cui la Euro&Promos, società posseduta al 40% dall’assessore regionale alle attività produttive Sergio Emidio Bini, si è dimostrata inaffidabile, incappando in severe penali, è molto lungo e va dal Nord al Sud Italia. Ciò che colpisce, tuttavia, è che fra gli appalti in cui si è dimostrata inaffidabile ci sono amministrazioni come Il Comando dei Vigili del Fuoco di Pordenone, il Tribunale di Monza, la Procura della Repubblica di Monza, l’Agenzia delle Entrate della Emilia Romagna e persino la Corte di Appello di Trento. Con questi presupposti come fa l’amministratore delegato di Euro&Promos, Alberto Tavano Colussi, a continuare a partecipare a gare nel suo Friuli Venezia Giulia, dove fra l’altro dovrebbe esserci una sorta di incompatibilità visto il ruolo ricoperto in giunta regionale dall’azionista di maggioranza? Ma fin qui sono affari. Ciò che invece non si spiega è la ragione per cui il capogruppo di Progetto Fvg, Mauro Di Bert, preparato e serio uomo di legge, avvocato e segretario comunale, non abbia ancora convocato il gruppo consigliare per valutare se sia il caso o meno di farsi rappresentare nell’esecutivo da un politico al centro di mille attenzioni imbarazzanti legate alla sua società.

ECCO PERCHE’ IL 18 MAGGIO BAR E RISTORANTI FALLIRANNO

News

ASSURDO: A UDINE BICCHIERATA DI AUGURI CON LA PROTEZIONE CIVILE

News

RICCARDI: “HO FATTO BENE A LASCIAR MORIRE GLI ANZIANI NELLE CASE DI RIPOSO INVECE DI RICOVERARLI”

Sanità

SCANDALO COVID: I DATI DEL FRIULI VENEZIA GIULIA NON TORNANO A BORRELLI

News

Connect