Seguici su

Politica

IL CONSIGLIO REGIONALE DISTANTE DALL’EMERGENZA COVID19

Dal dicembre 2019 la Terza Commissione “sanità” del Consiglio regionale del Friuli Venezia Giulia non è mai stata convocata. Il presidente Ivo Moras (Lega) forse non ritiene prioritario il tema della Pandemia o ignora che il Coronavirus sia di pertinenza della Sanità regionale. Eppure riunire 16 consiglieri regionali profumatamente pagati in un momento in cui le partita iva italiane stentano ad arrivare a fine mese non dovrebbe essere cosa complicata, almeno in call conference. Lunedì 20 marzo, con tutta calma, si riunirà, invece, il consiglio regionale per apprendere dall’assessore alla Sanità Riccardi lo stato delle cose su contagi, decessi e disponibilità di posti nelle terapie intensive. Naturalmente, sebbene dotati tutti di mascherine di massima sicurezza ffp3 e con ampi spazi di distanza all’interno dell’auditorium udinese, tenteranno una call conference fra 40 consiglieri regionali, giunta regionale e tecnici: circa 60 persone. Nel frattempo nelle corsie degli ospedali, nei padiglioni delle case di riposo e nelle sale di terapia intensiva centinaia di medici, infermieri e operatori sanitari continuano a lavorare gomito a gomito, qualcuno anche senza dispositivi di protezione.

ECCO PERCHE’ IL 18 MAGGIO BAR E RISTORANTI FALLIRANNO

News

ASSURDO: A UDINE BICCHIERATA DI AUGURI CON LA PROTEZIONE CIVILE

News

RICCARDI: “HO FATTO BENE A LASCIAR MORIRE GLI ANZIANI NELLE CASE DI RIPOSO INVECE DI RICOVERARLI”

Sanità

SCANDALO COVID: I DATI DEL FRIULI VENEZIA GIULIA NON TORNANO A BORRELLI

News

Connect