Seguici su

Sanità

BORDON A BOLOGNA PER I VETI IMPOSTI DA RICCARDI A FEDRIGA

Sergio Bolzonello (Vicepresidente Regione FVG e assessore Attività produttive) e Paolo Bordon [Direttore generale Azienda Assistenza Sanitaria (AAS) n. 5 "Friuli Occidentale"] all'inaugurazione del reparto di Ostetricia dell'Ospedale Santa Maria degli Angeli - Pordenone 21/04/2015

Paolo Bordon lascia l’Azienda sanitaria trentina per assumere l’incarico di direttore dell’Ausl di Bologna. Il contratto di Bordon, siglato ai tempi della giunta Rossi di centrosinistra e con Luca Zeni (Pd) assessore alla salute, sarebbe scaduto a maggio 2021: fra la Provincia oggi a guida leghista e il top manager evidentemente non si è arrivati a un’intesa per un eventuale rinnovo. È giunto invece l’accodo, suggellato dal governatore dell’Emilia Romagna, Stefano Bonaccini (Pd), che porterà Bordon in quel di Bologna. Il manager friulano controllerà 19 strutture ospedaliere e oltre 900mila utenti. Uno smacco per il Friuli Venezia Giulia e per il governatore Fedriga che aveva corteggiato Bordon per due volte, l’ultima volta a fine 2019; entrabi gli accordi saltarono perchè l’assessore regionale alla salute Riccardo Riccardi mise il veto minacciando le proprie dimissioni. Fedriga dovette chiamare Bordon e scusarsi giustificando che non poteva permettersi di mettersi contro Riccardi.

ECCO PERCHE’ IL 18 MAGGIO BAR E RISTORANTI FALLIRANNO

News

ASSURDO: A UDINE BICCHIERATA DI AUGURI CON LA PROTEZIONE CIVILE

News

RICCARDI: “HO FATTO BENE A LASCIAR MORIRE GLI ANZIANI NELLE CASE DI RIPOSO INVECE DI RICOVERARLI”

Sanità

SCANDALO COVID: I DATI DEL FRIULI VENEZIA GIULIA NON TORNANO A BORRELLI

News

Connect